Storia

storiaLa società è stata fondata il 13.01.1949, con la denominazione DELMET – Disossidazione ELettrolitica METalli – dall’ing. Cherubino Cherubini.
Lo scopo sociale era “utilizzare in Italia ed all’estero il ritrovato ed il procedimento inerente la disossidazione e disincrostazione di metalli ferrosi e non ferrosi con procedimento galvanico per il reimpiego di detti metalli una volta rigenerati”.
Dall’attività iniziale, la Delmet ha subito allargato la sua sfera d’azione alla galvanica ed alla lucidatura elettrochimica in particolare.
Nel 1952 il primo accordo internazionale con una importante azienda tedesca di Monaco di Baviera nel campo della lucidatura elettrochimica; questa società, di cui la Delmet ha avuto la licenza in Italia, era allora particolarmente preparata nella lucidatura di rame e sue leghe.

Del 1955 è la firma del contratto di rappresentanza con la allora denominata CARL KURT WALTHER (oggi  Walther Trowal ) di Wuppertal, società leader nel campo della finitura meccanica con buratti e vibratori, della quale la Delmet detiene tutt’oggi la rappresentanza esclusiva per l’Italia. Le esigenze di sviluppo spingono la Delmet a cambiare più volte sede; si passa, in Milano, da Viale Brianza a Via Vittor Pisani, nel 1952, a Via Bordoni nel 1953, a Via Jommelli nel 1957 ed a Via Dracone nel 1962. Nel 1967, delineandosi l’esigenza di fornire impianti di depurazione delle acque, la Delmet stringe un accordo di rappresentanza e licenza con una azienda di Duesseldorf e da questa fruttuosa collaborazione deriva la realizzazione di numerosi impianti.

Nel 1975 viene lanciata la sbavatura chimica dell’acciaio al carbonio; sembra che i procedimenti chimici tendano a sostituire quelli elettrochimici, ma una conoscenza più approfondita dei procedimenti evidenzia limitazioni e possibilità diverse da quelle delle due tecniche; nel 2005 la tecnica viene perfezionata dalla Poligrat di Monaco di Baviera rendendola un trattamento vincente nei settori dell’oleodinamica, tessile e meccanica di precisione. Nel 1977 l’ing. Cherubini lascia la direzione della Società all’ing. Ruggero Rigatti, che decide di orientare progressivamente l’attività della Delmet ad una maggior specializzazione; obiettivi primari diventano decapaggio, sbavatura, lucidatura, passivazione dell’inox nonchè la depurazione delle acque.

All’inizio degli anni ottanta all’attività impiantistica si affianca la fornitura di servizi in lavorazioni conto terzi e per fronteggiare con mezzi e spazi adeguati i nuovi volumi di lavoro la Delmet decide di spostare la propria sede nell’hinterland milanese nell’agosto del 1985 e si insedia in un nuovo stabile industriale a Gorgonzola. Nel 1990 la conduzione della Società passa nelle mani di Massimo Rigatti ed Anna Cherubini e lo sviluppo delle lavorazioni conto terzi, dell’attività impiantistica e dei prodotti chimici correlati procede deciso.

L’accordo con aziende inglesi e tedesche per la distribuzione nella comunità europea di impianti Delmet stimola concetti innovativi nella loro progettazione e produzione. La collaborazione con aziende locali garantisce l’assistenza tecnica tempestiva e con personale specializzato.

L’esportazione fa un balzo anche verso altri paesi sia appartenenti all’UE che extraeropei. Fondamentale importanza viene conferita alle tecniche di automazione d’avanguardia, tramite l’introduzione delle quali, l’azienda raggiunge una posizione di leadership, sul mercato italiano, per i processi di decapaggio, passivazione ed elettrolucidatura industriale.